Confettura di mirtilli

Confettura di mirtilli3
Confettura di mirtilli

Ingredienti:

-mirtilli freschi o surgelati
-zucchero bianco semolato
Se si gradisce una confettura molto dolce mettere frutta e zucchero in proporzione 1:1, se piace meno dolce 2:1

Strumentazione:

-un pentolino
-un cucchiaio in legno

Procedimento

1-Pesare zucchero e frutta.
2-Unire i due ingredienti nel pentolino e cuocere finchè la confettura non si addensa. Cuocere fino a consistenza desiderata considerando che quando si raffredda di addenserà un po’ di suo.
Confettura di mirtilli1
Confettura di mirtilli2
3-Usare la confettura di mirtilli  sul pane, fette biscottate, farcire cornetti, crostate ecc.
Confettura di mirtilli3
Conservazione: qual’ora la quantità di confettura di mirtilli prodotta sia tale da non essere consumata in poco tempo necessita trovare un sistema di conservazione.

ATTENZIONE:

TALE PROCEDURA NON SERVE SOLO PER ELIMINARE LA FUTURA FORMAZIONE DI BATTERI AEROBICI MA SOPRATTUTTO ELIMINA IL RISCHIO DI FORMAZIONE DEL BOTULINO PRODOTTO DA DEI BATTERI ANAEROBICI (BATTERI BOTULINICI). IL BOTULINO RISULTA MORTALE PER L’UOMO ANCHE IN BASSISSIME QUANTITA’ E NON SEMPRE EMETTE UN ODORE PARTICOLARE TALE DA ESSERE RICONOSCIUTO.

CON LE ALTE TEMPERATURE ALLE QUALI AVVIENE LA PROCEDURA I BATTERI BOTULINICI DOVREBBERO MORIRE.

IL BOTULINO E’ UNA TOSSINA SI DEGRADA A 80°C MA IN CASO DI MARMELLATE/CONFETTURE E GIARDINIERE ECC UNA VOLTA CHE SI APRE IL BARATTOLO IL PRODOTTO VERRA’ CONSUMATO SENZA UN’ULTERIORE COTTURA (COSA CHE NON VALE PER UN SUGO). PROPRIO PER QUESTO MOTIVO BISOGNA ESSERE ASSOLUTAMENTE CERTI CHE LA PROCEDURA SOTTOSTANTE VENGA ESEGUITA ALLA LETTERA. IN CASO DI DUBBIO PIUTTOSTO RIPETERE LA PROCEDURA DA CAPO.

Strumentazione:

-barattoli in vetro
-una pentola abbastanza capiente da contenere i barattoli. Attenzione che non sia eccessivamente grande perchè durante la bollitura i barattoli stessi potrebbero sbattere tra di loro tra di loro e rompersi.
-tappi con capsula di sicurezza (meglio se imbustati già sterili)

Procedimento

1- Prendere i barattoli e sterilizzarli facendoli bollire almeno 20 min nella pentola. Che siano a testa in giù, in su o sdraiati l’importante è che all’interno siano pieni d’acqua bollente. In questo caso che i barattoli sono a testa in giù durante la bollitura tenderanno a sollevarsi a causa della formazione di vapore all’interno che svolge anch’esso una funzione sterilizzante.
Se non si dispone di tappi già sterili inserire anch’essi nell’aqua bollente.
Conservare il ragù e sughi vari1
2-La confettura quando verrà messo nei barattoli deve essere ancora bollente.
3-Con la confettura a temperatura togliere i barattoli dall’acqua e riempirli molto velocemente.
4-Chiudere immediatamente con il tappo assicurandosi di avere avvitato bene.
5-Far ribollire i barattoli pieni per almeno 20-25 minuti.
6-Aspettare che la confettura si raffreddi.
7-A barattolo raffreddato completamente (o anche prima ) verificare spingendo sul tappo che si sia formato il vuoto all’interno. Questo può essere verificato dal tappo che deve risultare abbassato e la capsula di sicurezza non deve abbassarsi ulteriormente quando si preme sopra di essa. In questo modo siamo sicuri che l’aria è uscita per decompressione ed in questo modo la confettura può essere conservata. Una confettura con una quantità di zucchero pari a quella della frutta può conservarsi anche un anno se tenute chiuse in luogo fresco, areato e buio. Via via che la quantità di zucchero usata dimunuisce il tempo di conservazione scende in modo direttamentente proporzionale. Mettere un’etichetta con la data per evitare di aspettare troppo tempo.
Attenzione: se la capsula di sicurezza non rimane abbassata significa che dal tappo passa aria. Questo vuol dire che non è avvenuta una decompressione all’interno del barattolo quindi non c’e’ il vuoto. La presenza di aria può dar luogo a proliferazione batterica che minerebbe la conservazione del prodotto..
In questo caso ripetere la procedura sopra descritta.

Print Friendly, PDF & Email
Please follow and like us:

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *