Trippa e fagioli in umido

Trippa e fagioli in umido

NB. Gli umidi vengono sempre preparati ALMENO il giorno prima di essere portati in tavola ed in questo caso particolare bisogna pure aggiungere il tempo di ammollo nei fagioli.

Ingredienti:

-circa  800gr di trippa
-circa 600gr di fagioli cannellini secchi
-400gr di pomodori pelati/datterini (circa una lattina)
-una cipolla bianca o dorata
-abbondante basilico
-sale fino
-pepe nero macinato
-olio extravergine d’oliva
-Parmigiano Reggiano o Grana Padano (solo il necessario per la gratinatura superficiale)
-qualche ciuffetto di burro per la gratinatura finale (opzionale)

La proporzione trippa/fagioli/pomodoro sono a piacere secondo i propri gusti. Si può fare un piatto più ricco in fagioli o in trippa, più o meno rosso.

Strumentazioni

-tagliere in legno
-coltello a lama liscia
-padella o casseruola abbastanza capiente da contenere fagioli, trippa, sugo e qualche tazza d’acqua
-ciotola per mettere i fagioli in ammollo (considerare che raddoppieranno il volume)
-teglia da forno (simile a quella della foto finale)

Procedimento

1-Mettere i fagioli in ammollo fino a farli raddoppiare di volume. Se si prepara il piatto al mattino si può compiere questa operazione la sera prima.
2-Fare un trito grossolano di cipolla e farlo rosolare in olio extravergine d’oliva. Aggiungere il pomodoro ed abbondante basilico. Far insaporire per qualche minuto.
3-Nel frattempo tagliare la trippa a striscioline più o meno grosse a seconda dei gusti.
4-Unire i fagioli e qualche tazza d’acqua e far cuocere fino a  circa a metà cottura dei fagioli. Salare e pepare senza eccedere, semmai si interviene successivamente quando il sugo si sarà ritirato.
5-Quando i fagioli si sono ammorbiditi aggiungere la trippa  e terminare la cottura. Mettere sempre acqua al bisogno se il sugo si prosciugasse troppo ma il fagiolo fosse  ancora crudo. Verso la fine valutare se correggere di sale e pepe.

6-Si deve ottenere una densità simile a quella che si vede nella foto seguente. Non completamente asciutto. A questo punto lasciare tutto a riposare un giorno (in frigo) per far insaporire meglio come viene fatto per tutti gli umidi.

7-Adagiare la trippa e fagioli nella teglia da forno e cospargere con il formaggio e dei ciuffetti di burro (opzionali).

8-Gratinare in forno a 180°C con la resistenza superiore accesa fino a formazione della crosticina superficiale.
9-Gustare la trippa e fagioli calda con una buon pane casareccio. Nella foto il piatto è accompagnato a dei panini di semola di grano duro a lievitazione naturale particolarmente adatti come abbinamento.

Potrebbero interessare anche altre ricette di zuppe e piatti unici.

Print Friendly, PDF & Email
Please follow and like us:

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *